Blog

SUI PARADISI ARTIFICIALI (3/7): LE MILLE E UNA CANNABIS

Jean-Léon Jérome, “L’allumeuse de narghilé” (1898)

Con l’articolo dedicato all’oppio abbiamo iniziato il nostro viaggio nello spazio e nel tempo alla scoperta delle sostanze stupefacenti e dei loro rapporti soprasensibili con l’essere umano, rapporti che ne hanno influenzato l’evoluzione fino a segnare, in alcuni casi, vere e proprie epoche o precisi confini geografici e antropologici.

Al pari dell’oppio, la cannabis si situa decisamente a Oriente per gran parte della sua storia, comparendo anch’essa per la prima volta in Asia Centrale durante il periodo paleo-indiano, e quindi anch’essa sotto l’influsso pieno dell’entità luciferica. Come abbiamo visto, il proposito di queste sostanze è di far regredire l’uomo a una condizione evolutiva precedente, allontanandolo dalla percezione chiara e cosciente del mondo materiale verso un’illusoria – e ormai superata – percezione sognante dei mondi spirituali. Per raggiungere tale effetto, questo genere di droghe agisce sui corpi costitutivi dell’uomo “staccando” i corpi superiori (astrale e Io) da quelli inferiori (eterico e fisico) e ricreando così le condizioni che si verificano con il sonno notturno. La differenza con quest’ultimo consiste nel permanere comunque della coscienza – seppure attutita – che permette al consumatore di sperimentare da “sveglio” il contatto coi mondi spirituali che normalmente avviene di notte, nonché la sensazione beatificante di essere tornato nelle braccia delle divinità, come avveniva in epoche remote.

Se però l’oppio ricrea fedelmente la configurazione dei corpi costitutivi del sonno notturno, la cannabis presenta importanti differenze che si traducono in risultati diversi nel consumatore, pur rimanendo nell’ambito luciferico di azione. Con la cannabis otteniamo un effetto più allegro ed euforico, e constatiamo la sua fondamentale caratteristica di “socialità”, del tutto assente nell’oppio. Ciò è perfettamente riassunto dalle parole del filosofo Walter Benjamin, il quale negli anni ’20 eseguì, in compagnia di altri intellettuali, dei veri e propri esperimenti sulle modificazioni della psiche provocate dall’assunzione di hashish e di altre droghe. In un resoconto del 1927, riportato nel libro “Sull’hashish”, Benjamin scrive:

“Illimitata benevolenza. Si dischiude il buon «carattere». Tutti gli astanti assumono la gamma del buffo. Al tempo stesso ci si compenetra con la loro aura. Nel sorridere ci si sentono spuntare delle alucce. Sorridere e svolazzare affini”.

Walter Benjamin (1892-1940)

Come sono diversi questi effetti rispetto all’oblio e al solitario distacco emotivo provocato dall’oppio! Troviamo innanzitutto l’illimitata benevolenza verso gli altri esseri umani, proprietà che delinea la cannabis come la droga per eccellenza della “socialità”, venendo infatti consumata in gruppo, sia nei riti più antichi che ai giorni nostri. Tale benevolenza è indotta dalla particolare configurazione in cui la cannabis dispone il corpo astrale (per una trattazione completa rimando, come sempre, al mio saggio “Paradisi Artificiali” edito da Novalis) che corrisponde a quella dell’innamoramento, ovvero quando in un essere umano si accendono sentimenti – e sottolineo la parola “sentimenti”, perché qui siamo in esclusivo ambito astrale – di amore verso il prossimo. In questo modo il corpo astrale non si allontana eccessivamente dall’individuo (come avviene per l’oppio), ma rimane nelle sue vicinanze, seppur molto allentato, e ciò porta un’ulteriore rinforzo dell’empatia verso l’individuo che consuma la sostanza durante lo stesso rituale di gruppo: i corpi astrali dei consumatori allentati e “svolazzanti” hanno la possibilità di fondersi in parte l’uno con l’altro, aumentando la sensazione di comunanza e di condivisione dei sentimenti (è ciò che Benjamin descrive come compenetrazione con “l’aura” – ovvero il corpo astrale – degli astanti). L’allentamento del corpo astrale porta anche all’altro effetto: l’ilarità e le risate immotivate caratteristiche della cannabis (il “buffo” descritto da Benjamin). Infatti, come spiega nei dettagli Rudolf Steiner durante una conferenza a Berlino del 1910 (O.O.59 “Ridere e piangere”), “l’espressione dell’allargarsi del corpo astrale è nel corpo fisico il ridere o il sorridere”.

Arrivati a questo punto è fondamentale evidenziare, ancora una volta, che nella genesi di tutte queste sensazioni, sentimenti, emozioni, l’Io non ha alcun ruolo attivo, è solo uno “spettatore”. Anche in questo caso – come per tutte le droghe – non è grazie a un impulso cosciente dell’Io che si verificano i cambi di configurazione dei corpi costitutivi responsabili degli effetti rilevabili nel fisico, ma è la sostanza stessa a farlo, agendo quindi al posto dell’Io. Per esempio, semplificando molto, quando ci troviamo davanti a una situazione buffa, è l’Io che fa “allargare” il corpo astrale scatenando poi il riso, mentre con l’assunzione di cannabis è la sostanza che si occupa di far compiere questo movimento al corpo astrale che produrrà poi il riso, per la maggior parte delle volte appunto immotivato. Lo stesso vale per la benevolenza verso il prossimo generata dalla “configurazione dell’innamoramento” di cui è responsabile la cannabis, e non già i sentimenti che l’Io prova verso quella determinata persona. È ovvio che, laddove esistano già tali sentimenti, la cannabis agisce amplificandoli, ma sempre in maniera artificiale. Ci occuperemo più in dettaglio di questo effetto, nonché di quello della parziale “fusione” dei corpi astrali, nell’articolo dedicato all’ecstasy.

Gaetano Previati, “Le fumatrici di hashish” (1887)

Se nella prima parte del suo effetto la cannabis si discosta parecchio dall’oppio, nella seconda parte (o per dosi più alte, o per un consumo cronico) si avvicina al suo “fratello maggiore”, inducendo nel consumatore uno stato soporifero e sognante di isolamento che spesso si conclude nel sonno.

Anche in questo caso le ore successive al termine degli effetti psicotropi sono le più difficili, perché i corpi costitutivi devono tentare di ricostituire le corrette connessioni tra loro (soprattutto tra i corpi superiori e gli inferiori) che sono state danneggiate dall’assunzione della sostanza. Inoltre l’Io si trova in uno stato di esaurimento, stanchezza e impossibilità di dare compimento ai propri atti di volontà come conseguenza dell’inusuale sovrabbondanza di sensazioni e percezioni cui ha dovuto far fronte nell’ebbrezza appena trascorsa.

Honoré Daumier, “Les fumeurs d’hachich” (1840 ca.)

Ciò porta a un “effetto rebound” di nervosismo, irrequietezza e paura: i corpi costitutivi del consumatore hanno perso la loro stabilità, le loro interrelazioni sono parziali e precarie, e questo arreca un sentimento di progressiva insicurezza e vuoto interiori (sentire), pensieri confusi e sognanti (pensare), perdita della volontà (volere). È facile capire quanto questi effetti siano più nocivi tanto più l’età del consumatore è bassa. Infatti durante l’adolescenza il corpo astrale dovrebbe gradualmente sviluppare la sua struttura tramite l’interazione con i sentimenti che si presentano nella vita, mentre con l’uso ripetuto di cannabis non solo viene ostacolato questo processo, ma addirittura invertito. Così l’Io del consumatore cronico rimane uno spettatore passivo, impossibilitato a interagire con i reali sentimenti di amore o sofferenza che il corpo astrale dovrebbe sperimentare durante l’adolescenza. Allo stesso modo è facile capire perché proprio in quell’età ci sia il maggior uso e abuso di cannabis, per quell’inconscio desiderio di sfuggire all’inevitabile discesa definitiva nella materia che porterà all’età adulta. È tipico di chi è stato consumatore cronico di cannabis durante l’adolescenza di conservare particolari connotati del carattere adolescenziale anche nell’età adulta, a causa dell’interruzione o del turbamento del naturale processo di evoluzione nel momento in cui avrebbe dovuto avere luogo. Analogamente, come la cannabis è utilizzata dall’adolescente per ostacolare la progressiva discesa del corpo astrale dai mondi spirituali, così nell’adulto è utilizzata proprio per permettere al corpo astrale di tornare a innalzarsi verso quei mondi, “sollevandosi” dall’aridità del mondo materiale. Ron Dunselman la definisce proprio “un’inconscia ricerca di una vita spirituale.”

Ciò era già ben noto ai popoli paleo-indiani che le attribuivano origine divina, come riportato nei Veda, definendola “sorgente di gioia e di felicità”. Ancora una volta risulta evidente la differenza con l’oppio, definito invece, per esempio dagli antichi Egizi, come “pianta che dona sogni, sonno e morte”. Accanto al suo uso voluttuario – che aveva sempre e comunque l’intento luciferico di riportare l’uomo verso l’antica percezione dei mondi spirituali – esisteva il suo uso medico come antidolorifico, la cui prima testimonianza si trova in un trattato di medicina cinese del 2700 a.C. e che, come per l’oppio, è un utilizzo tuttora valido. Di uso quotidiano in India già documentato nel 1000 a.C. e descritta da Erodoto come sostanza utilizzata dagli Sciti, il suo rinvenimento all’interno del Necromanteion (il tempio dell’Oracolo dei Morti in Grecia) fa presumere anche un suo uso iniziatico per il discepolo che doveva accedere ai Misteri ellenici.

Furono gli antichi Romani a distruggere i templi misterici – come voleva la loro missione evolutiva di portatori dell’anima razionale – e con essi anche l’uso voluttuario della cannabis per il nostro continente. Infatti i Romani la utilizzarono soprattutto come fornitrice di fibre resistentissime per fabbricare sacchi, indumenti e vele di imbarcazioni, utilizzo che è proseguito nel corso della storia e che ha permesso alle navi spinte dalle vele di canapa di solcare i mari di tutto il mondo. Possiamo senz’altro affermare, citando il Pelikan, che “tramite essa l’essere umano si è fatto per la prima volta una chiara idea del pianeta”.

Il suo utilizzo come tessuto a contatto con l’aria e il calore ci conferma le caratteristiche fondamentali della pianta stessa, di fogliame arioso, impollinata dal vento, completamente aperta alla luce solare. Da sottolineare anche il suo strettissimo rapporto con il calore (altra segnatura della sua natura luciferica), in quanto pianta in grado di crescere a tutte le latitudini, ma produttrice di principio attivo stupefacente in proporzione diretta al calore ricevuto: più il clima è caldo, più si avrà un’alta concentrazione di principio attivo, più è freddo e meno sarà presente, fino a scomparire del tutto nelle piante coltivate al nord (ovviamente in condizioni ambientali naturali e senza apporto di calore artificiale) che forniscono solo fibra tessile e sono praticamente prive di effetti psicotropi.

Eugène Delacroix, “Femmes d’Alger dans leur appartement” (1834)

Riprendendo il nostro viaggio spazio-temporale nel primo medioevo, mentre in Europa la canapa veniva coltivata solo per uso tessile, completamente diverso fu il suo rapporto con gli Arabi: anche a causa del divieto coranico per l’alcol, divenne la principale droga di uso voluttuario che entrò a far parte della cultura araba, come l’alcol di quella occidentale. Nella produzione letteraria araba possiamo rilevare ovunque il profumo dell’hashish (che in arabo significa “erba”), presente nelle atmosfere lascive e sognanti della fiaba, come quelle che pervadono le novelle delle “Mille e una notte”, dove – come narra Dumas a proposito dell’hashish nel suo “Conte di Montecristo” – “il sogno regna come padrone, allora è il sogno che diventa vita, e la vita diviene sogno”.

Come i Romani ebbero il compito di diffondere l’alcol verso Occidente nell’emisfero boreale, così gli Arabi diffusero l’uso della cannabis passando per l’emisfero australe: dal Nord Africa la cannabis raggiunse tutto il continente africano, entrando nell’uso corrente di parecchie tribù sia come farmaco che come droga voluttuaria. Da lì, tramite la tratta degli schiavi, raggiunse il Sudamerica dove fu ribattezzata “marijuana”, sebbene alcuni storici ritengano che già fosse in uso presso gli Aztechi a scopi religiosi. A prescindere dalla sua diffusione a opinione degli storici, ciò che ci interessa è capire quali popolazioni la utilizzarono prevalentemente per i suoi effetti psicotropi. Come abbiamo visto, esse sono le popolazioni dell’Oriente, del Medio-Oriente, quelle di razza nera e di razza mista, come i creoli, che furono gli unici a utilizzarla a questo scopo nel continente americano: tutte popolazioni più recettive alle droghe luciferiche. Al contrario, in Occidente l’uso stupefacente della cannabis non ebbe mai presa fino al Novecento, quando arrivò grazie a quelle popolazioni di immigrati per le quali era parte della loro cultura di origine: i giamaicani in Inghilterra, i sudafricani in Olanda, i maghrebini in Francia, per citarne alcune. Così, partendo dagli ambienti vicini alla musica jazz, iniziò a prendere piede nella cultura occidentale verso la fine degli anni ’50 per poi esplodere letteralmente nel decennio successivo: hippy, studenti, giovani operai e intellettuali iniziarono a fare della cannabis il loro stile di vita, sia con lo scopo di espandere la propria coscienza, sia con intenti meramente voluttuari o come rimedio per la solitudine e il vuoto interiore che la vita occidentale trainata da Arimane stava rapidamente e impietosamente mettendo davanti ai loro occhi. E così ritorna l’immagine del “rifugio luciferico” dall’indifferenza e dal gelo del mondo tecnologico e meccanicista di Arimane (già vista per l’oppio e i suoi derivati) che ha permesso alla cannabis di diventare negli ultimi cinquant’anni la droga più utilizzata e diffusa al mondo, seconda solo all’alcol.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *